12 C
Aosta
domenica, 24 Ottobre, 2021
Home Cultura "Valle d'Aosta Magica - Augusta Praetoria Salassorum", misurazioni e linee tracciate secondo...

“Valle d’Aosta Magica – Augusta Praetoria Salassorum”, misurazioni e linee tracciate secondo leggi antiche

La Edizioni Pedrini si propone con un nuovo titolo: “Valle d’Aosta Magica – Augusta Praetoria Salassorum” scelto non a caso per il volume scritto dal prof. Aristide Viero che dopo il successo ottenuto da “Torino Magica ed Esoterica” ha diretto la sua attenzione alla Valle d’Aosta.

I suoi studi, e la quarantennale applicazione diretta nel campo delle ricerche hanno prodotto un lavoro interessante che proprio alle misurazioni e all’analisi radiostetica, fa rifermento nel libro. L’autore, inserisce nell’ampia cornice dei suoi studi; la geografia, gli aspetti climatici e la storia della Valle d’Aosta e della sua popolazione autoctona, attraversando i secoli romani e quelli medievali, sino ad arrivare ai nostri giorni.

Radiostesia e geobiologia convergono nei campi iniziatici e si fondono in un percorso denso di rilevanze, che indicano come nel tempo passato, per esempio nella costruzione di chiese, santuari, castelli, che poco o nulla è stato lasciato al caso dai “costruttori” e dagli architetti.
Sono linee previste nei progetti, tracciate secondo leggi antiche applicando la proporzione aurea, segmento già utilizzato consapevolmente da babilonesi ed egizi, considerato sin dalla sua scoperta come rappresentazione della legge universale dell’armonia, e reticoli di flussi di energia sottile. Si scopre o meglio si riscopre, in questi studi, il cardine base su cui poggia Augusta Praetoria, la città di Aosta. Aristide Viero la percorre nuovamente, a distanza di secoli, la attraversa con i suoi strumenti e con le sue misurazioni applicate, documentandole, e le condivide in un testo scorrevole e di facile lettura.

In questo contesto, l’autore, propone una visita guidata diversa, alla città e alla Regione, da affrontare con occhi nuovi, guardando alle opere architettoniche più rappresentative del sapere “remoto”, trascurato e dimenticato, proponendone un’osservazione pragmatica, avvicinando il passato conosciuto al presente contemporaneo. Una lettura consigliata, che apre ipotesi e interrogativi legati al mistero dell’esplorazione rivelata.

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

Ritorna la Sagra del miele a Châtillon: un ricco programma di eventi dal 29 al 31 ottobre 2021

Dal 29 al 31 ottobre 2021 Châtillon accoglierà la XVIII edizione della Sagra del Miele e dei suoi derivati, nel cui...

Nuovi ambienti di apprendimento nelle scuole in montagna

Il 20 ottobre 2021 si è tenuta la prima delle due sessioni di formazione rivolte agli insegnanti relative al progetto “Ambienti...

Modifiche alla circolazione lungo la strada regionale di Bionaz

Sono previste modifiche alla circolazione lungo la strada regionale di Bionaz. Per consentire i lavori di sistemazione e...

Modifiche alla circolazione lungo la strada regionale della Valsavarenche

È disposta la chiusura al traffico, dalla progr km 3+140, alla progr km. 3+370, tra le frazioni “Le Norat e Plan...