lunedì, Marzo 4, 2024
Home Arte Mostra "Napoléon. Andrea e Paolo Ventura" al Forte di Bard

Mostra “Napoléon. Andrea e Paolo Ventura” al Forte di Bard

Al Forte di Bard un inedito progetto di arte contemporanea per riflettere sulle conseguenze dei conflitti partendo dal mito napoleonico delle grandi battaglie.

La figura di Napoleone, la vita all’interno delle sue guarnigioni, il legame storico con il Forte di Bard posto prima sotto assedio, poi sconfitto e successivamente fatto radere al suolo: da questi temi comuni parte la riflessione a due voci di Andrea e Paolo Ventura, artisti, fotografi e fratelli, che presentano due distinti progetti nell’ambito della mostra Napoléon. Andrea e Paolo Ventura. L’esposizione, allestita nelle sale delle Cannoniere del Forte di Bard, in Valle d’Aosta, sarà aperta al pubblico dall’11 marzo al 5 giugno 2022.

Andrea Ventura – Epidemic of Nostalgia, 2021 – Acrilici su carta, 104×84 cm

Andrea Ventura propone il lavoro intitolato Epidemics of Nostalgia (2021, serie di tredici opere a colori acrilici su carta, dimensioni varie), centrato sul tema della narcolessia, un fenomeno con caratteristiche di nostalgia dalla propria casa/patria, molto diffuso tra le fila degli eserciti di Napoleone impegnati sui fronti europei all’inizio dell’Ottocento. Paolo Ventura si è ispirato invece all’assedio del Forte di Bard avvenuto nel Maggio del 1800 da parte delle truppe francesi, per realizzare una serie di undici inedite opere. 

I due artisti, ognuno con il proprio linguaggio, rileggono così il mito napoleonico delle grandi battaglie e della Grande Armée che le ha combattute. Al comando di un solo uomo, migliaia e migliaia di soldati, ragazzi e adulti da ogni parte d’Europa che hanno marciato in Italia, in Austria, in Germania, in Ungheria, in Polonia, in Russia. Andrea e Paolo, gemelli nella vita e anche nel talento, si pongono al seguito di questo esercito attingendo ai racconti di guerra narrati in famiglia e, ciascuno attraverso la propria sensibilità – Andrea è pittore, Paolo fotografo – offrono una personalissima narrazione di questi eventi: i protagonisti sono i soldati, ma anche gli artisti stessi, calati in atmosfere a metà tra il reale e l’onirico.

Andrea Ventura – Epidemic of Nostalgia, 2021 – Acrilici su carta, 96×160 cm

Il Forte di Bard, un tempo luogo di guerra e di scontro, attraverso questo progetto apre una riflessione su una delle tragiche conseguenze che, ieri come oggi, i conflitti portano drammaticamente con sé segnando la vita di intere generazioni.

Andrea Ventura – Epidemic of Nostalgia, 2021 – Acrilici su carta, 170×164 cm

«Nel momento in cui abbiamo immaginato di realizzare al Forte di Bard un’esposizione dedicata ad Andrea e a Paolo Ventura, quale estremo grido di denuncia nei confronti della follia della guerra, mai avremmo pensato che la guerra potesse arrivare così vicino a noi, con ancora un nuovo fronte – spiega la Presidente del Forte di Bard, Ornella Badery -. È molto difficile trovare le parole, ma confidiamo che il momento sia opportuno, una volta di più, per denunciare gli orrori, fisici e psicologici, che la guerra produce e rinnegare questo strumento quale elemento di risoluzione dei conflitti».

La mostra è corredata da un catalogo realizzato da Silvana Editoriale, in un’edizione bilingue italiano-inglese.

ULTIMI ARTICOLI

Modifiche alla circolazione lungo la Strada Regionale di Valgrisenche

Sono previste modifiche alla circolazione lungo la strada regionale di Valgrisenche. É disposta la chiusura lungo la...

Giornata internazionale della donna all’insegna della cultura

Venerdì 8 marzo 2024, in occasione della Giornata internazionale della Donna, i castelli di proprietà regionale, i siti archeologici di Aosta...

Proclamati i vincitori del Concorso Internazionale Fotografare il Parco

Le foto premiate il 9 marzo a Palazzo Lombardia a Milano saranno in mostra al Forte di Bard (AO) dal 17 marzo...

Al Forte di Bard le foto iconiche di Martine Franck

L’ambiziosa opera fotografica di Martine Franck (1938-2012) e la sua sincera attrazione per gli esseri umani – la gioia dell’infanzia, i ritratti...
- Advertisment -