12 C
Aosta
domenica, 19 Settembre, 2021
Home News Il Gran Paradiso Vertical è di Borettaz e Déjanaz. Prova eroica per...

Il Gran Paradiso Vertical è di Borettaz e Déjanaz. Prova eroica per Pesce, Cutaia e Miloni

Alex Déjanaz ha dominato l’edizione 2021 del Gran Paradiso Vertical con un ritmo sostenuto fin dalla partenza di Pont di Valsavarenche. Nessuno è riuscito a tenere il passo del valdostano, neppure il piemontese Lorenzo Rostagno arrivato sui sentieri del Gran Paradiso per provare a bissare il successo ottenuto nell’ultima edizione. In cima Déjanaz ha chiuso in 45’52”, lasciando a 1’59” Rostagno. Terzo gradino del podio per Andrea Gorret, arrivato a 2’31” dalla vetta dopo essere transitato al rifugio Vittorio Emanuele insieme a Rostagno.

Successo valdostano anche nella gara femminile. A imporsi è stata Alexa Borettaz che ha percorso i circa 3 chilometri e mezzo di salita in 57’41”. Appena sotto il rifugio Vittorio Emanuele ha superato Gloriana Pellissier, che fino a quel momento comandava e che si è poi dovuta accontentare della seconda posizione in 58’09”; terzo gradino del podio per Giulia Collavo, in 58’29”.

Partenza 2021

In gara anche tre amputati, Moreno Pesce, Salvatore Cutaia e Loris Miloni che hanno affrontato gli oltre 3 chilometri e mezzo in modo spensierato, godendosi il panorama e scattando foto, senza risparmiarsi qualche canto in quota. Un’altra bella impresa per questi atleti che non si danno mai per vinti e che per l’occasione sono stati “scortati” dall’organizzatore Mauro Cerise e dagli uomini del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

LE DICHIARAZIONI

Alexa Borettaz

Alexa Borettaz: «Sono felice e non pensavo di poter vincere, anche perché non avevo mai gareggiato in un Vertical così dritto. Dopo aver superato Gloriana non ho potuto mollare il ritmo: è sempre rimasta alle mie spalle di un nulla».

Alex Déjanaz, azione 2

Alex Déjanaz: «Nel primo tratto non ho avuto grande vantaggio, siamo sempre rimasti più o meno lì. Sono contento della vittoria, ma soprattutto del tempo che ho fatto registrare. Ho dovuto tenere fino all’ultimo metro, una volta arrivati al rifugio c’è ancora un bel pezzo da affrontare e non si può sottovalutare».

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO

Domenica 19 settembre, il Tour Trail Valle d’Aosta sconfina in Piemonte per l’Oropa Trail, partenza da Pralungo (BIella); percorso di 15 chilometri (490 metri dislivello positivo) oppure di 24,8 chilometri (1.196 metri di dislivello positivo).

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

Al via i lavori per la realizzazione del paravalanghe di Facebelle a Champoluc

Lunedì 20 settembre sarà formalizzato l’avvio dei lavori di realizzazione delle opere paravalanghe di Facebelle sul versante che sovrasta il paese...

Il nuovo Manzetti di Aosta sarà realizzato ex novo: sottoscritto l’affidamento del progetto

L’Assessorato delle Finanze, Innovazione, Opere pubbliche e Territorio comunica la recente sottoscrizione dell’affidamento del servizio di redazione del progetto di fattibilità...

Gamba Fest 2021: una festa tra cultura e natura al Castello Gamba di Châtillon

Nel quadro della programmazione per la valorizzazione del patrimonio culturale contemporaneo, nelle giornate del 18, 19 e 26 settembre 2021, al...

Mostra. Nel segno di Dante, tra illustrazione e fumetto

Dal 25 settembre 2021 al 6 gennaio 2022 Nell’ambito delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di...