12 C
Aosta
giovedì, 28 Gennaio, 2021
Home Ambiente Giornata internazionale della Montagna. Tavola rotonda: “La Montagna dopo la pandemia”

Giornata internazionale della Montagna. Tavola rotonda: “La Montagna dopo la pandemia”

La Giornata internazionale della Montagna ha le sue radici nel 1992, con l’adozione del capitolo 13 dell’Agenda 21 Managing Fragile Ecosystems: Sustainable Mountain Development in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo. La crescente attenzione per l’importanza delle montagne, ha portato l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a dichiarare il 2002 Anno Internazionale delle Montagne. In quell’occasione, l’Assemblea generale dell’ONU ha designato l’11 dicembre di ogni anno, a partire dal 2003, come Giornata internazionale della Montagna, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’importanza dei territori montani per la salute del pianeta e per il benessere delle persone e di mettere in evidenza la varietà e la ricchezza delle culture di montagna.

Per ragionare sui questi temi e sui valori della montagna oggi e nel futuro, l’Assessore regionale all’Istruzione, Università, Politiche giovanili, Affari europei e Partecipate, Luciano Caveri, invita a seguire la tavola rotonda in diretta streaming venerdì 11 dicembre 2020 alle 11.30, organizzata con il supporto del Centro Europe Direct Vallée d’Aoste.

Questo periodo di emergenza sanitaria da COVID-19 – spiega l’Assessore Luciano Caveri – sta colpendo pesantemente la realtà dell’intero arco alpino, mettendo a dura prova i nostri territori, che hanno nel turismo la loro principale risorsa economica. La pandemia sta cambiando il metro di giudizio e le modalità di approccio alle problematiche, sia per quanto attiene al territorio, sia nei confronti delle popolazioni che sul quel territorio lavorano, portando maggior consapevolezza e percezione dei rispettivi ruoli. Un periodo di grande difficoltà che, tuttavia, può e deve rappresentare per la montagna un’occasione da cogliere in positivo, un punto di partenza per ripensare un modello globale e innovativo di sviluppo sostenibile. L’incontro di venerdì – conclude l’Assessore Caveri – rappresenta un momento di riflessione e di dibattito per approfondire, con esperti che vivono ogni giorno il territorio montano da punti di vista diversi e qualificati, quali scenari si potranno aprire al termine della pandemia.

Gli ospiti collegati sanno Mariano Allocco, intellettuale occitano, Piero Ballauri, allevatore di montagna, Eloise Barbieri, filmaker e alpinista, Nicolas Evrard, Sindaco di Servoz, Haute-Savoie, recentemente nominato Consigliere per la Montagna e il Turismo al Ministero della Coesione territoriale e delle relazioni con le comunità locali del Governo Macron, Alberto Faustini, Direttore responsabile dei quotidiani Alto Adige e L’Adige di Trento Don Paolo Papone, Parroco di Valtournenche e storico e Cristina Parisotto, Amministratore delegato dell’azienda SCARPA.

La tavola rotonda potrà essere seguita sul canale YouTube della Regione: https://www.youtube.com/user/RegVdA

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

La 1021a edizione della Fiera di Sant’Orso in diretta streaming e tv

A causa dell’emergenza sanitaria Covid 19, la 1021a edizione della Fiera di Sant’Orso avrà modalità di svolgimento differenti rispetto agli anni...

Modifiche alla circolazione lungo la strada regionale della Valtournenche

Per consentire i lavori di somma urgenza per la rimozione di pietre pericolanti e il consolidamento del muro di controripa, è...

App Immuni: con il nuovo codice CUN è possibile segnalare la propria positività al COVID

La Presidenza della Regione e l’Azienda sanitaria della Valle d’Aosta comunicano che è attivo un nuovo servizio collegato all’app Immuni, che...

Il Forte di Bard protagonista a “Tgr Bellitalia” sabato 30 gennaio su Raitre

Bellitalia, l’appuntamento settimanale della Tgr dedicato ai beni culturali, ai musei e al paesaggio italiano, dedicherà un ampio servizio al Forte di Bard nella...