12 C
Aosta
giovedì, 28 Gennaio, 2021
Home Aosta Aosta: la città del solstizio d’inverno

Aosta: la città del solstizio d’inverno

Lunedì 21 dicembre 2020 verrà celebrata la ricorrenza della fondazione di Augusta Praetoria, avvenuta nel 25 a.C. per volere dell’imperatore Ottaviano Augusto.

La città romana fu volutamente orientata al solstizio d’inverno, 2.045 anni fa: l’ipotesi, scaturita da una scoperta archeologica avvenuta nel 2012 presso la Torre dei Balivi, è stata successivamente avvalorata da un importante studio archeo-astronomico. Nei giorni compresi tra il 21 e il 23 dicembre, quindi, è ancora possibile apprezzare il sorgere del Sole perfettamente allineato sull’antico Cardo Maximus, oggi via Croce di Città, poco prima delle ore 11.

Per celebrare questa ricorrenza, in collaborazione con il Comune di Aosta, il Consiglio regionale della Valle d’Aosta e la Fondazione Clément Fillietroz ONLUS, lunedì 21 dicembre alle 21 è in programma una conferenza online a cura di Stella Bertarione, archeologa della Soprintendenza per i Beni e le Attività culturali, e di Giulio Magli, Professore ordinario di Matematica e Archeoastronomia presso il Politecnico di Milano, con la partecipazione di Andrea Bernagozzi, ricercatore presso l’Osservatorio astronomico regionale.

La conferenza sarà trasmessa sul canale Youtube della Regione e, in contemporanea, sull’emittente TV Vallée (canale 15 del digitale terrestre); il collegamento sarà inoltre raggiungibile attraverso le pagine Facebook del Turismo “Valle d’Aosta” e dell’Osservatorio astronomico regionale, nonché dai profili Twitter “@CultureVdA” della Soprintendenza per i beni e le attività culturali e “@oavda” dell’Osservatorio.

Oltre ad assistere alla conferenza, i cittadini potranno partecipare alla celebrazione attraverso le piattaforme social condividendo immagini del sorgere del Sole tra il 21 e il 23 dicembre ad Aosta e immediati dintorni, scrivendo #Aosta2045 e #AostaSolstizio2020.

E’ con immensa soddisfazione e forse con ancor più gioia ed emozione rispetto al passato – dichiara l’Assessore ai Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio Jean-Pierre Guichardazche celebriamo, in una data così emblematica, una ricorrenza fondamentale per la nostra città: la sua fondazione. 2.045 anni fa venne tracciato il solco primigenio che disegnò le origini di una città ai piedi delle Alpi destinata a un grande destino. Una celebrazione che giunge a termine di un anno inquieto, difficile e convulso e che, proprio per questo, evidenzia con forza l’eternità della storia sotto un cielo carico di speranza e positivi auspici.

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

La 1021a edizione della Fiera di Sant’Orso in diretta streaming e tv

A causa dell’emergenza sanitaria Covid 19, la 1021a edizione della Fiera di Sant’Orso avrà modalità di svolgimento differenti rispetto agli anni...

Modifiche alla circolazione lungo la strada regionale della Valtournenche

Per consentire i lavori di somma urgenza per la rimozione di pietre pericolanti e il consolidamento del muro di controripa, è...

App Immuni: con il nuovo codice CUN è possibile segnalare la propria positività al COVID

La Presidenza della Regione e l’Azienda sanitaria della Valle d’Aosta comunicano che è attivo un nuovo servizio collegato all’app Immuni, che...

Il Forte di Bard protagonista a “Tgr Bellitalia” sabato 30 gennaio su Raitre

Bellitalia, l’appuntamento settimanale della Tgr dedicato ai beni culturali, ai musei e al paesaggio italiano, dedicherà un ampio servizio al Forte di Bard nella...